Angelo Morbelli, un divisionista in mostra!

A Milano presso la Galleria d’arte moderna è possibile ammirare le opere di uno dei maggiori protagonisti del Divisionismo italiano, Angelo Morbelli.

Figlio del funzionario statale Giovanni Morbelli e di Giovannina Ferraris, Angelo intraprese la sua carriera in campo musicale e, in seguito ad precoce sordità progressiva, decide di dedicarsi all’arte pittorica. Originario di Casale Monferrato, studiò presso l’Accademia di Belle Arti di Brera e fu allievo di Giuseppe Bertini. Le sue opere furono esposte prima a Milano e poi a Torino.

In occasione del centenario della morte del pittore è possibile ammirare una selezione di sue opere che cercano di raccontare molteplici aspetti del suo lavoro. Attivo nella stagione divisionista, a cavallo tra Ottocento e Novecento, Morbelli cercò di abbandonare subito la rappresentazione di soggetti storico-letterari, tipici del Romanticismo!

Prediligeva soggetti tratti dalla realtà, anzi quelli che spesso erano ai margini della società, avvicinandosi così alle correnti di pensiero della Scapigliatura. I suoi celebri dipinti sono quelli che rappresentano gli ospiti del Pio Albergo Trivulzio, una casa di cura che per oltre due secoli è stata il rifugio dei milanesi meno abbienti.

Paola Zatti, curatrice della mostra, ha dichiarato ad Askanews che la ricerca del pittore «in ambito tecnico e compositivo fu solida, tormentata, ma molto solida, e raggiunse degli esiti molto moderni»! Una delle maggiori capacità pittoriche del Morbelli è stata proprio quella di rappresentare in modo limpido, privo di filtri e sentimentalismi, la realtà che lo circondava al suo tempo!

La mostra è stata articolata in sei sezioni ed è un viaggio attraverso le sue tematiche, l’arte dell’Ottocento e le sue conseguenze ed invita il visitatore a ripensare come l’arte figurativa abbia avuto un ruolo fondamentale nella creazione di una coscienza sociale italiana completamente differente per quei tempi.

Non perdetevi questa mostra che documenta l’opera dell’artista piemontese attraverso i dipinti del museo milanese e prestiti nazionali e internazionali.

Noi di Hotel Cavour vi aspettiamo per una pausa relax o per una cena presso il nostro ristorante Conte Camilo!